La sfida

-

Mesi

Giorni

Ore

Minuti

Scopri di più

UN’IMPRESA
MAI COMPIUTA SIN’ORA

Giro del mondo per i tre capi in solitaria,
senza scalo e senza appoggio, su una Coco Minitransat
modificato per questa impresa

  • LA ROTTA

    La distanza da coprire è di circa 28.000 miglia; da percorrere nel minor tempo possibile.
    La partenza è programmata per il 10 Giugno 2018. Se volete vedere il percorso attuale di Ivan clicca QUI.

    Seguendo la rotta tradizionale della circumnavigazione dei tre capi, salperà dal nord Europa e navigherà lungo tutto l'Atlantico fino al Capo di Buona Speranza in Sud Africa. Attraverserà l'Oceano Indiano fino a Capo Leeuwin in Australia, passerà davanti alla Nuova Zelanda e proseguirà nel Pacifico fino a Capo Horn in America Latina, per poi risalire l'Atlantico fino al porto di partenza.

  • IL VIAGGIO

    Vedremo il suo viaggio in diretta grazie a tre telecamere satellitari: una mostrerà la rotta, la seconda la barca dall’alto e la terza sarà a disposizione di Ivan che potrà decidere di spostarla in vari punti fra cui uno fisso che verrà usato come confessionale.

    Con il passare del tempo vedremo la barba di Ivan allungarsi e conosceremo le sue riflessioni sull’amore, sulla vita, sul viaggio, sulla paura e su tutto quello che vorrà condividere con noi durante questa avventura in solitaria. Grazie alla rete satellitare potremo seguire in diretta le immagini che Dimov deciderà di condividere con noi.

  • L’IMBARCAZIONE

    Minnie è una barca di meno di sei metri, ha una carena classica semiplanante armata con una inedita struttura a doppio albero che supporta un piano velico a doppio fiocco. Un progetto di Vitali-Pizzoglio utilizzato da Ivan proprio per la sua potenzialità e semplicità. Il programma di navigazione è molto impegnativo, quindi si è data priorità assoluta alla semplificazione delle manovre e alla massima riduzione delle potenziali rotture. Per questo motivo le vele sono armate su rollafiocchi di derivazione commerciale, semplici e sicuri.

  • LA MISSIONE

    Una piccola barca con un grande obiettivo.
    SALVIAMO IL PIANETA non è un semplice slogan, ma un importante progetto promosso da Enegan che sostiene Ivan nel perseguire il suo scopo. Ivan raccoglierà durante la navigazione i rifiuti plastici che troverà lungo il suo percorso. Gli stessi saranno trattenuti sulla coperta da una apposita rete e una volta raggiunta una certa quantità saranno legati da un dispositivo di segnalazione internazionale e rilasciati in oceano insieme a un messaggio. Questo spingerà le imbarcazioni che incroceranno questo segnale al recupero e alla lettura del messaggio contenuto che spiegherà l'obiettivo della missione e chiederà di sobbarcarsi dell’eliminazione dei rifiuti.
    Se tutti in mare facessero la stessa cosa, si potrebbe recuperare almeno una parte delle tonnellate di plastica che solcano i nostri mari.

Ho sempre amato e vissuto il mare intensamente, sono skipper da 22 anni e navigo da quando avevo 7 anni.

Ho traversato l'Atlantico sulla rotta Bahamas – Inghilterra; ho traversato l'Oceano Indiano sulla rotta Madagascar – Bali; conosco benissimo tutto il Mediterraneo.

Adesso sto progettando di affrontare il giro del mondo a tre capi in solitario.

Il progetto è supportato da